Spagna, elezioni: Rajoy apre a ipotesi governo di coalizione

Madrid (Spagna), 16 dic. (LaPresse/Reuters) - Il primo ministro spagnolo, Mariano Rajoy, di fronte a una probabile vittoria risicata alle elezioni di domenica secondo i sondaggi, si è detto disponibile a un patto politico per garantire un governo stabile. Secondo gli ultimi sondaggi infatti, il partito Popolare del premier è dato in testa senza però la maggioranza assoluta, non raggiungendo i risultati del 2011 (il 44%).

A impedire la vittoria netta di Rajoy, i socialisti di sinistra del Psoe guidati da Pedro Sanchez, e dai nuovi arrivati, il liberale Ciudadanos con il giovane Albert Rivera, e il partito anti-austery di Podemos, con Pablo Iglesias.

Rajoy si è rifiutato di confermare con quale avversario il suo partito avrebbe considerato di unire le forze. "Vedremo chi ha il supporto politico maggiore e con quale gruppo riusciamo a trovare un'intesa maggiore al fine di formare un governo stabile", ha dichiarato il premier in un'intervista radiofonica.

Tra i tre candidati, molto probabilmente il partner dei popolari potrebbe essere la neo formazione liberale Ciudadanos. Tuttavia, il leader Rivera ha già fatto sapere di non voler entrare in una coalizione con Rajoy o con i socialisti e non si è sbilanciato sull'eventualità che il suo partito si astenga da un voto di fiducia che consentirebbe al partito di formare un governo di minoranza.

Il maggiore pericolo sembra essere comunque l'astensione. Un elettore su tre si è detto ancora indeciso o prevede di astenersi, secondo quanto rivelano gli ultimi sondaggi. Questo, insieme alla trasformazione del panorama politico della Spagna, fanno prevedere un risultato elettorale molto controverso. La disoccupazione crescente (più di un quinto della forza lavoro) e la rabbia per una sfilza di scandali per corruzione che ha coinvolto i popolari, hanno alimentato la nascita di nuovi partiti, rompendo un sistema a lungo dominato dal partito Popolare e dai socialisti.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata