Sospetto per bomba a Marrakech ritira confessione e si dice innocente

Sale (Marocco), 22 set. (LaPresse/AP) - Il principale sospettato per l'attacco del 28 aprile a Marrakech, in Marocco, ha ritirato la sua confessione e si è dichiarato innocente. Adel Othmani ha detto a giudici e avvocati "di non aver mai messo piede a Marrakech". Nell'esplosione, avvenuta al locale turistico Argana café di piazza Jemaa el Fna, erano rimaste uccise 17 persone, la maggior parte delle quali straniere. Othmani è accusato di diversi crimini tra cui omicidio premeditato e fabbricazione di un ordigno. Sono in tutto otto gli imputati per il processo per uno dei peggiori attentati mai avvenuti in Marocco. All'udienza erano presenti i familiari delle vittime e degli stessi accusati, secondo i quali i loro parenti sono stati incastrati. Il processo è stato aggiornato alla prossima settimana.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata