Sospetto attacco chimico vicino ad Aleppo: 32 intossicati
La Difesa ha pubblicato foto di minori con maschere d'ossigeno

 Almeno 32 persone hanno riportato sintomi da intossicazione in seguito a un presunto attacco chimico avvenuto la scorsa mattina nel paesino di Jan al Asal, a circa 10 chilometri a ovest della città siriana di Aleppo. Lo riporta la Difesa civile, nota anche come 'Caschi bianchi', che fornisce soccorso nelle zone che non sono sotto il controllo delle autorità siriane. Il portavoce ha riferito che elicotteri governativi hanno sferrato un attacco all'1 ora locale, quando in Italia era mezzanotte, con gas al cloro su Jan al Asal. La Difesa civile ha pubblicato varie fotografie di minori con maschere d'ossigeno, accuditi da personale sanitario.

Il direttore dell'Osservatorio siriano per i diritti umani, Rami Abderrahman, ha riferito a Efe che l'organizzazione non può confermare l'episodio. Dopo la tregua umanitaria di dieci ore dichiarata in modo unilaterale dalla Russia e dal governo siriano per la giornata di venerdì, le ostilità su Aleppo sono riprese. Oggi nell'area si registra una relativa calma, interrotta solo da lanci di razzi contro le aree controllate dalle autorità centrali e da raid nelle località periferiche di Kafr Naha e Al Atareb.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata