Siria, senatori Usa McCain e Graham criticano accordo su armi chimiche

Washington (Usa), 14 set. (LaPresse/AP) - I due senatori repubblicani degli Stati Uniti John McCain e Lindsey Graham hanno criticato l'accordo raggiunto da Stati Uniti e Russia sulle armi chimiche in Siria, affermando che è insensato. I due senatori, rispettivamente da Arizona e South Carolina, hanno dichiarato che amici e nemici degli Stati Uniti vedranno l'accordo come "un atto di provocatoria debolezza" da parte dell'America. Secondo i due repubblicani l'accordo incoraggia l'Iran. McCain e Graham hanno aggiunto che il presidente siriano Bashar Assad userà il tempo che l'accordo gli concede per rimandare e ingannare il mondo. Inoltre i due senatori affermano che l'accordo non risolve la guerra civile siriana, che ha provocato la morte di più di 100 mila persone e ha trasformato milioni di siriani in rifugiati.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata