Siria, Russia accusa ribelli: Gas uscito da un loro deposito
Mosca appoggia Damasco, che nega di aver usato armi chimiche nell'attacco

Per il ministero della Difesa russo, la contaminazione con sostanze chimiche nella cittadina siriana di Khan Sheikhoun ieri è stata la conseguenza di un raid aereo delle forze governative su un deposito di armi chimiche dei ribelli. "Ieri, dalle 11.30 alle 12.30 ora locale, l'aviazione siriana ha condotto un attacco su un grande deposito di munizioni dei terroristi e una concentrazione di materiale militare alla periferia orientale di Khan Sheikhoun", ha dichiarato il portavoce del ministero di Mosca, Igor Konoshenkov, tramite su YouTube. "Sul territorio del deposito c'erano officine che producevano munizioni per armi chimiche", ha affermato il portavoce. Ha aggiunto che le armi chimiche sono state usate dai ribelli ad Aleppo lo scorso anno.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata