Siria, Putin: Obama rifletta su attacco. Se ci sono prove presentarle

Mosca (Russia), 31 ago. (LaPresse/AP) - Obama rifletta sui passati interventi militari degli Stati Uniti prima di decidere un attacco in Siria. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin, chiedendo anche che se ci sono prove delle responsabilità del governo siriano nell'attacco con armi chimiche dello scorso 21 agosto vengano presentate. Si tratta delle prime dichiarazioni del presidente russo dopo il sospetto attacco chimico avvenuto a Damasco lo scorso 21 agosto.

MI RIVOLGO A UN PREMIO NOBEL PER LA PACE. Putin ha detto di rivolgersi a Obama non come a un presidente degli Stati Uniti ma come a un premio Nobel per la pace. "Dobbiamo ricordare cosa è successo negli ultimi decenni, quante volte gli Stati Uniti hanno iniziato conflitti armati nelle differenti regioni del mondo" ha detto Putin. "Questo ha mai risolto un problema?" Putin ha invitato Obama a riflettere sui risultati degli interventi militari degli Usa in Afghanistan e in Iraq "prima di prendere la decisione di effettuare attacchi aerei che provocheranno vittime, anche tra la popolazione civile".

SE CI SONO LE PROVE PRESENTARLE. Putin ha anche messo in dubbio che le truppe del governo siriano debbano essere ritenute responsabili dell'attacco dello scorso 21 agosto, dove sarebbero state usate armi chimiche. Secondo il presidente russo non avrebbe avuto senso per il governo siriano condurre un attacco così devastante mentre erano all'offensiva. "In queste condizioni, dare un asso nella manica a coloro che stanno chiedendo un intervento militare straniero sarebbe una sciocchezza" ha detto Putin. Parlando dell'attacco chimico il leader russo ha affermato di essere convinto che si tratti di una provocazione arrivata da coloro che volevano coinvolgere gli Stati Uniti. Se gli statunitensi hanno prove del contrario dovrebbero presentarle agli ispettori delle Nazioni Unite e al Consiglio di sicurezza, ha dichiarato. "Se ci sono prove dovrebbero essere presentate" ha detto Putin. "Se non vengono presentate, significa che non esistono".

BENE IL PARLAMENTO INGLESE: PERSONE DI BUON SENSO. Putin ha anche affermato di aver apprezzato il voto negativo del parlamento britannico sulla possibile partecipazione del Regno Unito a un'operazione militare contro la Siria. Lo ha scritto l'agenzia di stampa russa Interfax, aggiungendo che Putin ha dichiarato che la decisione è stata un'assoluta sorpresa per lui. Secondo quanto scritto dall'agenzia di stampa Putin ha affermato che la decisione del Parlamento inglese mostra che lì ci sono persone guidate dal buon senso.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata