Siria, Johnson cancella la visita a Mosca
Russia: "I nostri alleati occidentali adducono pretesti assurdi"

Londra (Regno Unito), 8 apr. (LaPresse/Reuters) - Il ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson, ha annunciato di aver cancellato una visita a Mosca in programma per il 10 aprile, a seguito degli "sviluppi in Siria che hanno cambiato in modo fondamentale la situazione". Lo ha fatto sapere con una nota, affermando che la sua "priorità è essere in contatto continuo con Usa e altri nel periodo precedente il G7", "per costruire sostegno internazionale coordinato a un cessate il fuoco sul terreno e un processo politico intensificato".

MOSCA: SCELTA ASSURDA. La cancellazione della visita di Johnson a Mosca "arriva dopo che essa era già stata riprogrammata. Le ragioni addotte dal lato britannico sono divergenti", "abbiamo l'impressione che i nostri alleati occidentali stiano vivendo in una loro realtà, in cui tentano unilateralmente di costruire piani collettivi e poi unilateralmente li cambiano, adducendo pretesti assurdi". Lo ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, citato dai media russi.

IRAN CHIEDE INCHIESTA INTERNAZIONALE SU ARMI CHIMICHE. Il presidente iraniano, Hassan Rohani, ha chiesto la creazione di un gruppo internazionale formato da Paesi neutrali che indaghi su "da dove siano arrivate" le armi usate nell'attacco a Khan Sheikoun in Siria, "per mezzo di chi e se siano state chimiche o meno". Lo ha riferito l'agenzia iraniana Irna. Rohani ha criticato la decisione degli Stati Uniti di attaccare una base aerea in Siria con 59 missili, a fronte di "un tema che tuttavia non è chiaro", e ha aggiunto che "gli americani si credono la polizia del mondo e i leader dell'universo". Dopo aver definito "aggressivo", "crudele e contro tutti i principi internazionali" l'attacco condotto dagli Usa, Rohani ha aggiunto: "Con quale permesso hanno deciso una misura simile? Non hanno nemmeno chiesto autorizzazione all'Onu o al proprio Congresso". L'Iran, assieme alla Russia il principale alleato del regime siriano di Bashar Assad, già ieri ha condannato l'azione degli Stati Uniti.

ATTACCO AEREO USA CONTRO ISIS. Un attacco aereo condotto dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti contro lo Stato islamico ha ucciso 15 persone, fra cui quattro bambini, nel villaggio di Hanida vicino a Raqqa. Lo ha fatto sapere l'Osservatorio siriano dei diritti umani.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata