Siria, governo: Profughi e attivisti opposizione tornino in patria

Damasco (Siria), 25 gen. (LaPresse/AP) - Il regime siriano ha invitato le centinaia di migliaia di profughi a fare ritorno nel Paese. Il governo, ha riferito l'agenzia di stampa ufficiale Sana, aiuterà i cittadini a tornare, indipendentemente dal fatto che abbiano lasciato il Paese "legalmente o illegalmente". La possibilità di ritorno, ha precisato l'agenzia, è aperta anche a esponenti dell'opposizione che vogliono prendere parte ai colloqui di riconciliazione. I colloqui fanno parte di un'iniziativa del presidente Bashar Assad mirata a porre fine al conflitto, in cui hanno perso la vita oltre 60mila persone. L'opposizione ha tuttavia respinto la proposta, chiedendo le dimissioni di Assad. Più di 500mila siriani sono fuggiti nei Paesi vicini nel corso della guerra civile, iniziata con proteste pacifiche a marzo del 2011. Tra i profughi ci sono numerosi attivisti dell'opposizione e soldati disertori.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata