Siria, forze sicurezza sparano su manifestanti: almeno 5 morti

Beirut (Libano), 11 nov. (LaPresse/AP) - Continua la sanguinosa repressione delle rivolte in Siria, dove le forze di sicurezza hanno nuovamente aperto il fuoco sui manifestanti nel tradizionale venerdì di protesta, uccidendo almeno cinque persone. Lo riferiscono l'Osservatorio siriano per i diritti umani e i Comitati di coordinamento locali, i due principali gruppi di attivisti del Paese, spiegando che le truppe fedeli al presidente Bashar Assad hanno sparato sulla folla a Homs e in diverse altre città. Le manifestazioni sono iniziate dopo la preghiera del venerdì anche in diversi sobborghi della capitale Damasco, a Daraa nel sud e a Idlib, vicino al confine turco.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata