Siria, esercito controlla sito archeologico di Palmira
Raid aerei e artiglieria, gli scontri si stanno facendo sempre più pesanti

Le forze del governo siriano stanno avanzando nella città di Palmira. Lo riportano diverse fonti spiegando che l'esercito di Damasco è sostenuto da ondate di raid aerei e di fuoco di artiglieria. Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani, gli scontri si stanno facendo sempre più pesanti nell'offensiva lanciata tre settimane fa dalle forze governative per riconquistare il sito archeologico occupato dallo Stato islamico nel maggio dell'anno scorso. Al momento, soldati siriani e milizie alleate hanno preso il controllo di quartieri nelle zone ovest e nord della città. In base ad alcune riprese televisive vi sono state esplosioni vicino ad alcuni edifici. Ieri, i media di Stato aveva annunciato che l'esercito aveva ripreso il pieno controllo del quartiere di al-Amiriya nel nord di Palmira. L'esercito siriano controlla anche la parte monumentale di Palmira, dove si trovano le rovine greco-romane Patrimonio mondiale dell'Unesco, danneggiate dagli scontri dell'esercito siriano con lo Stato islamico. Il direttore dell'Antichità e dei Musei siriano, Maamún Abdelkarim, ha fatto sapere che la situazione nella parte vecchia è buona, perchè non ci sono stati scontri al suo interno.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata