Siria, capo polizia militare diserta e denuncia uso armi chimiche

Beirut (Libano), 26 dic. (LaPresse/AP) - Il generale siriano a capo della polizia militare, Abdul-Aziz Jassem al-Shallalha, ha disertato e si è unito alla rivolta contro il presidente Bashar Assad. Lo riferisce la televisione Al Arabiya, che ha mandato in onda un video nel quale il maggiore generale annuncia la sua scelta di unirsi "alla rivoluzione del popolo". Al-Shallal afferma che l'esercito ha deviato dalla sua missione di proteggere il Paese ed è diventato "una gang che si occupa di uccisioni e distruzione". Secondo quanto riferisce il quotidiano Times, il generale avrebbe anche accusato il regime di avere usato armi chimiche nell'attacco compiuto a Homs il giorno prima di Natale.

Dall'inizio della rivolta in Siria, cominciata a marzo 2011, decine di generali hanno disertato, ma al-Shallal è una delle defezioni di più alto rango. Il primo membro della cerchia più stretta di Assad ad aver abbandonato il regime era stato a luglio il generale Manaf Tlass, che aveva scelto di unirsi all'opposizione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata