Siria, ancora raid su Ghouta. Abusi su profughe: sesso in cambio di cibo
Mentre la tregua continua ad essere violata, una nuova ricerca conferma l'esistenza di un sistema di sfruttamento messo in atto dagli operatori umanitari

Non c'è pace per la Ghouta orientale. Raid aerei e razzi hanno nuovamente colpito l'enclave ribelle siriana, nonostante l'entrata in vigore della 'pausa umanitaria' annunciata dalla Russia. "Il regime siriano ha lanciato dalle 9 (le 8 italiane) nove nuovi raid in totale, di cui sei obici d'artiglieria, due barili d'esplosivo e un raid aereo", ha dichiarato il direttore dell'Osservatorio siriano per i diritti umani, Rami Abdul Rahman. L'agenzia ufficiale siriana Sana ha invece parlato di lanci di razzi da parte dei gruppi ribelli contro i corridoi umanitari al livello del campo di Al-Rafidain, per tenere i civili in ostaggio. Anche le Nazioni unite hanno confermato la ripresa dei combattimenti nella regione. "Gli scontri continuano questa mattina, è l'informazione che abbiamo ricevuto", ha dichiarato il portavoce dell'ufficio per gli aiuti umanitari Onu, Jens Laerke. Ha aggiunto, parlando a Ginevra, di considerare prematuro discutere operazioni di aiuto per i civili, a causa degli scontri che proseguono.

Nel frattempo una nuova ricerca riaccende i riflettori sul sistema di sfruttamento delle donne siriane messo in atto dal personale umanitario. Gli operatori che consegnano aiuti umanitari per conto di Nazioni unite e organizzazioni internazionali abusano infatti delle profughe, chiedendo prestazioni sessuali in cambio del cibo. Operatori umanitari hanno riferito a Bbc che lo sfruttamento delle donne è così diffuso che molte siriane non vanno più nei centri di distribuzione degli aiuti, perché le persone che le vedono danno altrimenti ormai per scontato che la loro presenza costituisca l'accettazione di tale sistema.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata