Siria, ambasciata giordana a Damasco attaccata dopo commenti del re

Amman (Giordania), 15 nov. (LaPresse/AP) - L'ambasciata della Giordania a Damasco è stata attaccata dopo che il re giordano Abdullah II ha criticato la violenta repressione della rivolta antigovernativa da parte del regime del presidente Bashar Assad. Il portavoce del ministero degli Esteri di Amman, Mohammad Kayed, ha detto che circa 100 manifestanti si erano radunati davanti alla sede diplomatica dopo che il re aveva detto alla Bbc che Assad dovrebbe dimettersi. Tre dimostranti hanno scalato la recinzione dell'ambasciata e hanno tirato giù la bandiera giordana. Nessuno è riuscito a entrare dentro l'edificio e non ci sono stati feriti. Kayed non ha voluto commentare se la Giordania ritirerà l'ambasciatore dalla Siria, come richiesto dalla Lega araba. Altre sedi diplomatiche a Damasco erano state assalite dai sostenitori del regime di Assad dopo che sabato scorso i membri della Lega avevano votato per sospendere la Siria dall'organizzazione.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata