Siria, almeno 13 morti in bombardamenti su Goutha
Negli scorsi giorni i morti civili sono stati circa 335, di cui oltre 65 bambini

Continuano i bombardamenti delle forze del regime siriano nell'enclave assediata dai ribelli nella zona orientale di Goutha. Il bilancio di giornata a Douma è di almeno almeno 13 civili, di cui tre bambini, secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani. 

È salito a 335 il totale di civili uccisi, di cui oltre 65 bambini, nell'area da domenica, quando il regime di Bashar al Assad ha intensificato i bombardamenti sull'enclave ribelle. Lo ha fatto sapere l'Osservatorio siriano per i diritti umani. Inoltre, media di Stato e Osservatorio hanno specificato che altre 15 persone sono state uccise dai colpi di mortaio e dai razzi sparati da gruppi islamisti e jihadisti nello stesso lasso di tempo.

"Stava piovendo sull'area, quindi non c'erano aerei da guerra, ma sembra che il regime abbia scelto di usare razzi", ha detto il direttore dell'ong, Rami Abdul Rahman. "L'attacco di razzi non si è fermato stamane. Circa 200 razzi terra-terra hanno colpito la sola Douma", ha aggiunto Abdul Rahman, sottolineando che il numero di feriti è di circa 120 persone. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata