Siberia, trovato bimbo di 3 anni disperso da giorni nella foresta
Sopravvissuto tra lupi e orsi è stato soprannominato Mowgli

Un bambino russo scomparso nella taiga siberiana da tre giorni è stato ritrovato vivo e in buona salute. Lo riportano i media russi e il ministero delle Emergenze. Tserin ha tre anni ed è scomparso lo scorso fine settimana dalla sua casa, in un remoto villaggio della Repubblica di Tuva, nel Sud della Siberia. Lasciato incustodito, il piccolo aveva rincorso i suoi cani che lo hanno portato nella taiga, la foresta tra la tundra e la steppa popolata da animali selvatici come orsi, lupi, linci e volpi. 

Tre giorni di ricerche, che hanno coinvolto 100 tra poliziotti e soccorritori (oltre a cani addestrati e a un elicottero), non hanno portato a nessun risultato. Alla fine, il bambino, sentendo la voce dello zio che lo chiamava, ha risposto: si trovava a pochi chilometri da casa sua. Una volta ritrovato, la prima cosa di cui avrebbe chiesto Tserin è la sua macchina giocattolo.

Il bimbo è probabilmente sopravvissuto perché non si è fatto riprendere dal panico. Appena disperso ha terminato il cioccolato che aveva in tasca, poi si è fermato in un luogo asciutto sotto un larice dove si è addormentato. Il bimbo è stato soprannominato Mowgli.   

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata