Si dimette ministro britannico Fox, portava amico in viaggi ufficiali

Londra (Regno Unito), 14 ott. (LaPresse/AP) - Le amicizie troppo ingombranti sono costate care al ministro della Difesa britannico Liam Fox che oggi ha dato le sue dimissioni. Nei giorni scorsi il ministro era stato criticato per le voci secondo cui il suo amico, testimone di nozze ed ex coinquilino Adam Werritty aveva partecipato con lui a viaggi ufficiali e a incontri del ministero. Fox ha riconosciuto di avere concesso all'amico di prendere parte a 18 viaggi all'estero e di avere organizzato un incontro a Dubai con un potenziale fornitore. In precedenza Werritty era a capo di un'agenzia di consulenza della Difesa, ora chiusa. L'ufficio di Fox ha spiegato che le dimissioni del ministro sono dovute ai troppi titoli di giornale sulla vicenda.


Fox diventa così il primo rappresentante del partito conservatore ad abbandonare il governo britannico da quando, a maggio 2010, la coalizione di governo ha preso ufficio. "Ho erroneamente permesso alla mia capacità di distinguere fra i miei interessi personali e le mie attività di governo di essere offuscata", ha scritto Fox nella lettera di dimissioni al premier David Cameron. "Le conseguenze di ciò - continua - sono divenute molto chiare negli ultimi giorni. Sono molto dispiaciuto".

Cameron ha encomiato il ministro dimissionario in una nota, per avere seguito al meglio i cambiamenti che hanno portato le forze armate a essere "pienamente equipaggiate e pronte ad affrontare le sfide dell'era moderna". Cameron ha poi lodato l'ex ministro per come ha affrontato la crisi libica: "Ha giocato un ruolo di primo piano nella campagna per fermare i massacri sulla popolazione e per aiutarla a ottenere la libertà".

In serata al posto di Fox il governo di Londra ha nominato il ministro dei Trasporti Philip Hammond, 55 anni, veterano del partito conservatore e deputato in Parlamento dal 1997. Al ministero dei Trasporti arriva invece Justine Greening, deputata in ascesa all'interno dello schieramento del premier David Cameron.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata