Scontro Trump-Fbi su presunte intercettazioni di Obama
Il presidente Usa ha fatto sapere di non accettare la smentita del direttore Comey sull'esistenza delle registrazioni

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, non accetta l'affermazione del direttore dell'Fbi James Comey, che nel fine settimana ha chiesto al dipartimento della Giustizia di smentire pubblicamente l'esistenza delle intercettazioni di cui Trump ha accusato, senza prove, il suo predecessore Barack Obama. È quanto afferma una portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders, in un'intervista all'emittente Abc. Quando alla portavoce è stato chiesto se Trump accetti l'opinione e la richiesta di Comey lei ha risposto: "Non credo".

Huckabee Sanders ha poi detto che il governo dell'ex presidente Obama "ha realizzato intercettazioni telefoniche di cittadini statunitensi", riferimento questo ai programmi di spionaggio massiccio della National security agency (Nsa) rivelati da Edward Snowden, e "può avere fatto" lo stesso con Trump.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata