Schengen, ministri Ue: Estendere controlli confini fino a 2 anni
Ad annunciare la richiesta al termine del vertice che si è tenuto ad Amsterdam è stato il ministro dell'Olanda per le Migrazioni, Klaas Dijkhoff

Alcuni Paesi dell'Unione europea hanno chiesto alla Commissione Ue di "preparare le basi legali e pratiche" per un'eventuale estensione temporanea dei controlli ai confini all'interno dell'area Schengen fino a due anni. Ad annunciarlo al termine del vertice dei ministri dell'Interno Ue che si è tenuto ad Amsterdam è stato il ministro dell'Olanda per le Migrazioni, Klaas Dijkhoff. Dall'incontro, il primo da quando l'Olanda ha assunto la presidenza di turno dell'Ue, non erano attese decisioni definitive dal momento che si trattava di una riunione informale, ma solo un confronto per arrivare a un accordo politico al più tardi a giugno. Due i nodi centrali sul tavolo: in primo luogo dell'eventuale estensione dei controlli all'interno dell'area Schengen, e in secondo luogo la creazione di un corpo europeo di guardia di frontiera per gestire gli arrivi di migranti.

A proposito di Schengen, diversi Paesi - fra cui Austria, Germania, Svezia e Danimarca - pur facendo parte dell'area di libera circolazione, hanno recentemente reintrodotto i controlli alle frontiere alla luce della crisi dei migranti. Si tratta tuttavia di una misura temporanea della durata di sei mesi, che per Austria e Germania scadrà a maggio: ed è a questo punto che potrebbe scattare l'estensione fino a massimo di due anni, che in base all'articolo 26 del codice Schengen può avvenire però solo in caso di "persistenti inadeguatezze" ai confini esterni dell'area Schengen. Venerdì la Commissione Ue aveva già chiarito, in ogni caso, che non ci sarà alcuna sospensione di Schengen: semmai il Consiglio europeo - su proposta della Commissione - può decidere di autorizzare l'estensione dei controlli temporanei alle frontiere fino a due anni, ma in relazione a singoli casi, stabilendo a quali confini interni all'area Schengen venga applicata la misura.

È per questa eventualità che oggi alcuni Paesi Ue hanno chiesto alla Commissione di cominciare a prepararsi. Al termine dell'incontro il ministro dell'Interno Angelino Alfano ha detto che "Schengen per ora è salva". "Abbiamo poche settimane per evitare che si dissolva tra gli egoismi nazionali", ha aggiunto. Prima della riunione, stamattina, aveva chiarito: "Siamo dell'idea che l'Europa debba restare all'assetto stabile: non ci possono essere pezzetti dentro e pezzetti fuori o si va verso lo sgretolamento". E aveva aggiunto che "fin qui l'Unione europea è stata incapace di realizzare le decisioni assunte" e "questo porta a mettere in crisi Schengen, che per ragioni tecniche e politiche occorre lavorare per evitare".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata