Russiagate, l’avvocato di Trump: “Non è obbligato a testimoniare”
Per l'ex sindaco di New York Rudolph Giuliani, ora entrato nella squadra legale di Donald Trump, il presidente americano non sarebbe obbligato a presentarsi, qualora ricevesse un mandato di comparizione dal procuratore speciale per il Russiagate, Robert Mueller. "Si tratta del presidente degli Stati Uniti. Possiamo far valere lo stesso privilegio di altri presidenti" ha spiegato Giuliani aggiungendo che Trump è comunque disposto a essere interrogato solo se "trattato in modo giusto"