Russia, vice primo ministro Dvorkovich a camera ardente Nemtsov

Mosca (Russia), 3 mar. (LaPresse/Reuters) - A Mosca il vice primo ministro russo Arkady Dvorkovich è arrivato alla camera ardente di Boris Nemtsov, esponente dell'opposizione ucciso venerdì scorso a Mosca vicino al Cremlino. Dvorkovich aveva un mazzo di fiori rossi, e si è unito alle diverse centinaia di cittadini in fila per rendere omaggio a Nemtsov. Molti hanno portato garofani rossi. Tra i presenti anche l'ex primo ministro del Regno Unito John Major. Consiglieri del presidente russo Vladimir Putin hanno negato qualsiasi coinvolgimento nell'uccisione di Nemtsov, che è stato colpito con arma da fuoco quattro volte alla schiena. "Lui (Nemtsov) era la nostra speranza", ha spiegato Tatyana, una pensionata in fila per rendere omaggio al politico.

"Sento come se Putin mi avesse ucciso il giorno in cui è morto. L'ultimo anno è stato pieno di sofferenza", ha aggiunto. Sulle pareti della sala sono state affisse fotografie di Nemtsov. Lev Ponomaryov, attivista per i diritti umani, ha puntato il dito contro i media statali, che descrivono regolarmente gli oppositori del Cremlino come traditori. "Se si guarda a quello che dice la gente dell'omicidio, le versioni sono diverse. Alcuni accusano Vladimir Putin, altri no. Tutti però sono d'accordo sul fatto che la televisione di Stato ha creato l'atmosfera che ha portato a questo".

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata