Russia dichiara guerra a Linkedin: avviato blocco del sito
Scontro tra la compagnia e l'agenzia per la supervisione delle comunicazioni

La Russia dichiara guerra a Linkedin. L'agenzia federale russa per la supervisione delle comunicazioni Roskomnadzor ha fatto sapere di aver inviato una richiesta ai provider Internet perché blocchino il sito web Linkedin, social network di contatti professionali. Ha precisato di applicare la decisione di un tribunale russo, che ha respinto una richiesta di Linkedin.

Questa è stata la prima compagnia straniera a scontrarsi pubblicamente con Roskomnadzor sulla legge che impone alle compagnie estere e locali di conservare i dati personali degli utenti russi all'interno dei confini del Paese, dal settembre 2015.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata