Russia denuncia: Ad Aleppo fosse comuni con corpi mutilati
Trovati durante l'ispezione anche sette magazzini pieni di munizioni

La Russia denuncia il ritrovamento ad Aleppo di fosse comuni con decine di corpi mutilati e che portano i segni di spari alla testa. A dirlo è il portavoce dell'esercito russo, Igor Konashenkov: "Abbiamo trovato grandi fosse comuni con decine di siriani che hanno subìto torture selvagge e rappresaglie. Molti di loro sono mutilati". E poi ha aggiunto: "Questo è solo l'inizio". Aleppo è passata la scorsa settimana interamente nelle mani dell'esercito siriano, dopo un lungo assedio.

"I risultati della prima ispezione dei quartieri di Aleppo abbandonati dalla cosiddetta opposizione possono impressionare molti", ha proseguito il portavoce. Negli ultimi mesi Mosca ha denunciato l'uccisione, per mano dei gruppi armati che controllavano Aleppo est, di numerosi civili che volevano abbandonare Aleppo tramite i corridoi umanitari allestiti dall'esercito russo. Konashenkov ha comunicato anche il ritrovamento di sette magazzini di munizioni sufficienti ad armare diversi battaglioni di combattenti, e di armamenti pesanti abbandonati come carri armati, cannoni e lanciarazzi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata