Ristoratore italiano rapito nelle Filippine, le autorità: Sequestratori verso Sulu

Zamboanga (Filippine), 8 ott. (LaPresse/Xinhua) - Rolando Del Torchio, ristoratore italiano 56enne ed ex sacerdote missionario, è stato rapito da sette uomini armati nel suo bar-pizzeria a Dipolog City, nel sud delle Filippine. La notizia è stata confermata dalla Farnesina.

Secondo una prima ricostruzione, fatta dal capitano della Marina Roy Vincent Trinidad, vice comandante della Joint Task Force ZambaSulta, che si occupa cioè delle province di Zamboanga, Basilan, Sulu e Tawi-Tawi, si pensa che i quattro sospetti uomini armati che lo hanno rapito si stiano dirigendo verso la zona di Sulu.

Secondo polizia ed esercito, i sequestratori avrebbero fatto irruzione nel locale, hanno sequestrato l'uomo sotto la minaccia delle armi e lo hanno caricato a bordo di un van bianco che aspettava fuori. Poi, secondo quanto riferisce Trinidad, i rapitori sarebbero saliti con l'uomo a bordo di un'imbarcazione nella città costiera di Manukan. Secondo la polizia, il rapimento è stato "rapido". Il sequestro giunge 17 giorni dopo che presunti membri del gruppo Abu Sayyaf hanno sequestrato tre stranieri e una donna filippina da un resort sull'isola Samal, al largo della provincia di Davao.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata