Rio2016, Amnesty: Raddoppia numero uccisi da polizia
Il bilancio è di 49 uccisi dalle forze dell'ordine a giugno

"Un'ombra di morte è calata su Rio de Janeiro e sembra che alle autorità interessi solo quanto bello appaia il Parco olimpico", mentre il numero delle persone uccise dalla polizia tra aprile e giugno è più che raddoppiato rispetto allo scorso anno. E' quanto emerge da un rapporto di Amnesty International, che citando dati della sicurezza dello Stato ha parlato di 49 uccisi dalla polizia a giugno, 40 a maggio e 35 ad aprile. Dal 2009 in cui Rio de Janeiro è stata scelta per ospitare i Giochi, secondo l'organizzazione per la tutela dei diritti umani, la polizia ha ucciso più di 2.600 persone. "Proprio mentre pensavamo che i livelli di brutalità della polizia non potessero essere più scioccanti, lo sono diventati", ha dichiarato il direttore di Amnesty International Brasile, Atila Roque.

Le autorità hanno risposto al timore di violenze durante l'evento sportivo internazionale aumentando il numero dei soldati e dei poliziotti dispiegati, portandolo a quasi 90mila. Secondo Amnesty, però, l'addestramento carente e l'eccessivo uso delle armi da parte degli agenti fanno parte di un approccio sbagliato alla sicurezza pubblica nel Paese. "Ci sono casi specifici di persone uccise nelle operazioni legate ai Giochi", ha aggiunto Renata Neder, consigliera per i diritti umani dell'organizzazione.


Fonte Reuters - Traduzione LaPresse
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata