Repubblica Ceca, Klaus lascia presidenza, proteste contro di lui

Praga (Repubblica Ceca), 7 mar. (LaPresse/AP) - Centinaia di oppositori del presidente uscente ceco Vaclav Klaus hanno manifestato oggi a Praga, esprimendo il loro sdegno nel suo ultimo giorno in carica. Nel corso dei suoi due mandati alla presidenza, carica perlopiù rappresentativa nel Paese, Klaus ha più volta calamitato l'attenzione con le sue dichiarazioni che hanno sollevato dubbi su Unione europea, diritti dei gay e riscaldamento globale. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata però la recente amnistia, che ha fermato diversi processi di alto profilo per corruzione. Marciando dal castello di Praga, residenza del presidente, al ponte Carlo, i manifestanti hanno sfilato con un'effigie di Klaus, per poi incendiarla e gettarla nella Moldava, dicendo di volersi assicurare "simbolicamente" che non torni mai più.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata