Regno Unito, vendeva falsi rilevatori bombe: condannato a 10 anni

Londra (Regno Unito), 2 mag. (LaPresse/AP) - L'imprenditore britannico James McCormick è stato condannato a dieci anni di carcere per avere venduto falsi rilevatori di bombe. Nella lettura della sentenza, il giudice Richard Hone ha affermato che l'imputato ha mostrato uno sdegno sprezzante per le potenziali conseguenze delle sue azioni. In base alle stime, McCormick avrebbe guadagnato 50 milioni di sterline dalle vendite dei rilevatori, che in realtà servivano a cercare palline da golf, a Paesi fra cui l'Iraq, il Belgio, il Niger e l'Arabia Saudita. McCormick, 57 anni, è stato condannato per tre capi d'accusa di truffa lo scorso mese e oggi al tribunale Old Bailey di Londra è giunta la sentenza. I profitti ottenuti dall'imputato "tramite un simile inganno della fiducia" sono osceni e oltraggiosi, ha dichiarato il giudice.

"La sua condotta fraudolenta nella vendita di così tanti oggetti inutili per meri scopi di arricchimento - ha aggiunto rivolgendosi a McCormick - ha creato un falso senso di sicurezza e in tutta probabilità ha contribuito a causare la morte o il ferimento di persone innocenti". "Lei non ha né capacità di discernimento, nè vergogna, né rimorso", ha concluso il giudice. Il procuratore Richard Whittam ha spiegato che McCormick sosteneva che i suoi dispositivi, venduti a fino a 27mila sterline ciascuno, potessero individuare esplosivi e droghe sott'acqua e dal cielo. In realtà, ha aggiunto, le attrezzature "mancavano di ogni fondamento scientifico" e usarli o cercare a caso le bombe non avrebbe fatto differenza. Ex poliziotto e commesso, McCormick ha detto in tribunale di avere venduto i suoi rilevatori alla polizia del Kenya, ai servizi carcerari di Hong Kong, all'esercito dell'Egitto e alle forze che presidiano i confini in Thailandia. "Non ho mai avuto riscontri negativi dai miei clienti", ha affermato McCormick.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata