Referendum Catalogna, 800 feriti negli scontri. Sì al 90% e No 7,8%. Rajoy: "Sceneggiata"
La polizia nazionale sfonda ingressi e sequestra le urne. Le organizzazioni indipendentiste: "Martedì sciopero generale"

Due immagini della giornata di ieri primo ottobre resteranno impresse nella memoria degli spagnoli e del mondo. La prima è quella delle lunghe code di cittadini di tutte le età, con anziani e bambini al seguito, in attesa di votare per il referendum sull'indipendenza dalla Spagna. La seconda, le cariche della polizia nazionale e della guardia civile in tenuta antisommossa, che hanno fatto irruzione nei seggi per sgomberarli con la forza. I video delle cariche contro i manifestanti indifesi hanno fatto il giro del mondo. Sono centinaia le persone rimaste ferite negli scontri. A fine giornata il premier spagnolo Mariano Rajoy ha assicurato che "non c'è stato alcun referendum" e che "la maggioranza catalana non ha partecipato alla sceneggiata". Il governo della Generalitat, da parte sua, garantisce di aver mobilitato "almeno tre milioni di persone".

Secondo i dati riportati da La Vanguardia hanno votato 2.263.464 persone (erano chiamati alle urne circa 5 milioni e 300 mila cittadini): il 90% ha scelto il Sì all'indipendenza pari a 2.020.144, mentre il 7,8% (176.000 voti) ha votato no; 45.585 schede bianche e 20.129 nulle. 

I numeri descrivono una mezza guerra civile: almeno 319 seggi bloccati (ma la maggior parte dei 6mila previsti non ha mai nemmeno aperto), 893 feriti tra i manifestanti, di cui due in condizioni gravi, e 12 tra gli agenti. Quattro i feriti sono ancora in ospedale: due sono in condizioni gravi ma stabili, uno si trova all'Hospital de Sant Pau di Barcellona per una ferita a un occhio causata da un proiettile di gomma, mentre un uomo di circa 70 anni è all'ospedale Vall d'Hebron. È stato colpito da un attacco cardiaco quando la polizia ha fatto irruzione in un collegio elettorale nel quartiere La Mariola a Lleida. Le altre due persone ricoverate si trovano negli ospedali di Calella e Manresa, a Barcellona.

LEGGI ANCHE Ue: "E' questione spagnola". Puigdemont: "No, è europea"

Sei persone arrestate per resistenza a pubblico ufficiale in tutta la Catalogna. Decine di denunce contro la polizia e la guardia civile per le violenze ricevute. Sei inchieste avviate da altrettanti giudici sull'operato dei Mossos d'Esquadra, la polizia regionale catalana accusata di non aver agito per fermare il voto. Tra le denunce incrociate ci sono anche quelle di una ragazza che ha subito la rottura delle dita di una mano "una a una" e molestie "denigranti", quella dei vigili del fuoco della Generalitat che hanno subito "cariche di polizia inaccettabili".

LEGGI ANCHE La sindaca di Barcellona denuncia: "Da polizia molestie sessuali"

Da una parte si denuncia l'uso di pallottole di gomma sulla folla. Dall'altra viene fatto circolare un video in cui gli agenti vengono circondati e presi a sassate. Una storia nella storia ha riguardato i Mossos d'Esquadra: le forze di polizia catalana hanno fatto, come previsto, una ricognizione dei seggi all'alba, ma in molti casi se ne sono andati tra gli applausi. Su di loro sono piovute accuse di tradimento e minacce di inchieste per disobbedienza agli ordini.

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata