Razzi invitato in Corea del Nord: "Potrei portarmi Nainggolan"
Il deputato italiano sarà presente alle cerimonie per i 106 anni dalla nascita di Kim Il-Sung. "Penso di far venire anche i "Volo""

"Mi è arrivato l'altro giorno insieme alle quattordici pagine del discorso del maresciallo Kim Jong-un l'invito del primo segretario dell'ambasciata a tornare in Corea del Nord per il mese di Aprile in occasione dei festeggiamenti per i 106 anni dalla nascita di Kim Il-sung e a settembre per i 70 anni del partito dei lavoratori. Quindi sicuramente tra Aprile e Settembre tornerò in Corea del Nord".

Così' Antonio Razzi (FI) è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, nel corso del format ECG. "Portare Nainggolan? Penso che tutti i calciatori, specialmente quelli delle grandi squadre della serie A dovrebbero essere da esempio per i giovani. Io stesso avevo fatto un video alla fine dell'anno in cui consigliavo ai ragazzi di non alzare troppo il gomito a Capodanno e poi di tornare a casa con prudenza senza schiacciare troppo l'acceleratore. L'esempio deve venire anche da questi calciatori che sono famosi e prendono bei soldini - ha aggiunto - Sicuramente potrei invitare Nainggolan perché sappiamo che Kim Jong-un è un grande sostenitore del calcio specialmente di quello italiano e visto che c'è questa apertura con le Olimpiadi cerchiamo di dare una mano e dialoghiamo grazie allo sport e alla musica, andiamo lì".

"Io spero a questo proposito che anche i tre fenomeni della musica italiana de Il Volo che hanno ricevuto l'invito per partecipare alla settimana musicale nel mese di Aprile lo accettino per contribuire anche loro alla pace non solo nel mondo asiatico ma di tutto il mondo" conclude Razzi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata