Procura Francia apre indagine contro Strauss-Kahn per stupro di gruppo

Parigi (Francia), 21 mag. (LaPresse/AP) - La procura di Lille, in Francia, ha aperto un'indagine preliminare sulle accuse di stupro di gruppo a cui avrebbe partecipato Dominique Strauss-Kahn durante un festino in un hotel di Washington nel dicembre del 2010. L'indagine segue la richiesta presentata questo mese da giudici istruttori e allarga l'inchiesta per sfruttamento della prostituzione che vedeva già coinvolto l'ex direttore del Fondo monetario internazionale.

Presso la procura di Lille, Strauss-Khan era infatti già stato accusato di sfruttamento della prostituzione aggravato, in base a testimonianze di altre persone coinvolte nell'indagine. Accusa respinte dall'ex numero uno dell'Fmi, il quale ha ammesso di essere stato coinvolto in attività "libertine" ma non di essere stato a conoscenza che qualcuno fosse stato pagato per le attività sessuali.

A scatenare il nuovo filone di indagine sull'episodio del W Hotel di Washington sono state le testimonianze di due prostitute belghe che, interrogate nel corso dell'indagine, hanno denunciato comportamenti violenti durante i rapporti sessuali da parte di Strauss-Kahn che le avrebbe obbligate a fare sesso nonostante il loro rifiuto. L'ex direttore dell'Fmi, ha detto una delle donne secondo quanto ha riportato nei giorni scorsi il quotidiano Liberation, "usò la forza, mi strinse le mani e mi tirò i capelli. Mi fece male".

L'ex direttore dell'Fmi nega però anche in questo caso. In una nota, i suoi tre legali si dicono convinti che l'indagine mostrerà che il loro cliente "non ha mai commesso azioni violente, né avuto alcuna relazione senza il consenso del partner". "In questo affare - si legge nella nota - assistiamo, increduli e scandalizzati, a un passo a due tra media e giustizia, incapace di dire chi stia guidando l'altro, ma entrambi motivati da una incessante volontà di portare alla rovina di un uomo". L'indagine di Lille si concentra su un sospetto giro di prostituzione che coinvolge anche importanti funzionari delle autorità cittadine e della polizia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata