Presidente Google: Nord Corea si apra a internet o resterà indietro

Pechino (Cina), 10 gen. (LaPresse/AP) - "Il mondo è sempre più interconnesso e la loro decisione (della Corea del Nord, ndr) avrà conseguenze per il loro mondo fisico, per la crescita economica e così via. Avranno più difficoltà a sviluppare l'economia. Lo abbiamo spiegato molto, molto chiaramente". Così il presidente di Google Eric Schmidt, a Pechino di ritorno da un viaggio privato di quattro giorni a Pyongyang, dove si era recato insieme all'ex governatore del New Mexico, Bill Richardson. La decisione di porre fine all'isolamento e connettersi con il mondo esterno, ha aggiunto, spetta soltanto alla Corea del Nord. "Il governo - ha affermato Schmidt - deve fare qualcosa. Deve permettere alle persone di usare internet. Ora la scelta spetta a loro e, a mio parere, è il momento giusto per iniziare, altrimenti rimarranno indietro". Richardson ha riferito che durante il viaggio la delegazione ha inviato funzionari nordcoreani a fermare tutti i testi di missili e nucleari.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata