Pistorius vuole tornare ad allenarsi. Portavoce: Non subito, è in lutto

Johannesburg (Sudafrica), 25 feb. (LaPresse/AP) - Oscar Pistorius ha informato la autorità sudafricane che vuole riprendere ad allenarsi durante il periodo di libertà su cauzione. Tuttavia, fa sapere la sua portavoce Janine Hills, il campione paralimpico accusato dell'omicidio della fidanzara Reeva Steenkamp non ha intenzione immediata di tornare sulla pista di atletica. "Assolutamente no, è in lutto e i suoi pensieri non sono per lo sport", ha spiegato la Hills. Oggi, presentatosi davanti alle autorità di Pretoria, ha discusso i termini della libertà su cauzione con l'addetto alla sorveglianza e un ufficiale giudiziario. Le linee guida discusse determineranno la routine quotidiana dell'atleta fino alla prossima apparizione alla corte, in programma il 4 giugno.

"Suo desiderio è continuare ad allenarsi", ha fatto sapere James Smalberger, vice capo del dipartimento dei servizi penitenziari, sentito da Associated Press. La questione è emersa, ha spiegato, perché le autorità hanno bisogno di conoscere i movimenti di Pistorius quando lascerà l'abitazione in cui sta vivendo, quella dello zio Arnold. Non è chiaro tuttavia quando potrebbe riprendere effettivamente a correre. Il suo coach Ampie Louw, che quando Pistorius era ancora in custodia si era detto disponibile a tornare a seguirlo, non ha voluto commentare per ora la notizia.

Smalberger ha spiegato che gli ufficiali faranno visita almeno quattro volte al mese alla casa dello zio di Pistorius, dove l'atleta si trova da venerdì scorso, quando è stato rilasciato, e ha ribadito che l'atleta ha manifestato interesse a tornare ad allenarsi. Ma, ha aggiunto, prima di ogni ripresa sarà necessaria una stretta programmazione. "Vogliamo un programma di allenamento dal suo allenatore, in modo da poter controllare i suoi movimenti", ha spiegato il commissario, che poi ha proseguito: "Non è agli arresti domiciliari, ma i suoi spostamenti devono essere noti. Siamo d'accordo sul 'tempo libero' durante il giorno, ma alla sera ci aspettiamo che rientri a casa".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata