Pistorius, steroidi trovati nella casa del campione a Pretoria

Pretoria (Sudafrica), 18 feb. (LaPresse) - Rischia di aggravarsi utleriormente la situazione di Oscar Pistorius. La polizia sudafricana che sta indagando sul campione paralimpico per l'omicidio della fidanzata Reeva Steenkamp ha infatti trovato nella casa del campione degli steroidi proibiti. Lo riporta il Mail Online, secondo cui gli inquirenti starebbero valutando anche se l'attacco di ira e l'impeto con cui Pistorius si sarebbe scagliato contro la sua ragazza non sia stato causato proprio dall'uso di sostante dopanti.

Intanto, in attesa della giornata di domani quando si svolgeranno i funerali di Reeva, e Pistorius comparirà nuovamente in tribunale, emergono altri elementi sulla passione per le armi dell'atleta. Un amico di Pistorius, il pugile Kevin Lerena, ha raccontanto infatti di una serata al ristorante finita con l'olimpionico che nel maneggiare una pistola ha fatto partire un colpo che per poco non lo ha ferito. "Mi sono spaventato moltissimo, perché il proiettile è finito a pochi centimetri dal mio piede sinistro", ha dichiarato Lerena al giornale sudafricano Beeld. "Voglio precisare che la pistola apparteneva ad un amico di Pistorius. Oscar voleva solo guardarla e per sbaglio deve aver tolto il fermo di sicurezza. È stato solo un incidente e lui si è subito scusato", ha aggiunto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata