Pietre contro auto: soldati sparano e uccidono 15enne palestinese
La vittima sarebbe un ragazzino che non c'entrava nulla con l'episodio

Un palestinese è morto e tre israeliani sono rimasti leggermente feriti dopo che un gruppo di ragazzi palestinesi ha iniziato a lanciare pietre e molotov contro le auto che viaggiavano nella notte sull'autostrada 443, che connette Gerusalemme e l'area della Cisgiordania con il centro di Israele. Lo fa sapere l'esercito di Tel Aviv. 

Secondo le ultime informazioni il palestinese ucciso potrebbe essere un ragazzino che nulla c'entrava con l'episodio. Un primo comunicato dell'esercito identificava la vittima come assalitore, ma il sindaco del villaggio doveva viveva fa sapere che si tratta di un ragazzo di 15 anni. In un secondo momento, l'esercito ha fatto sapere che "dopo un'indagine preliminare, sembra che alcuni passanti siano rimasti colpiti per errore durante la caccia" ai responsabili. La portavoce delle forze armate spiega che l'esercito ha aperto un'inchiesta sull'episodio.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata