Piazza Affari apre in calo, in ribasso le europee: pesa crisi Iraq

Milano, 8 ago. (LaPresse/Finanza.com) - Avvio difficile per Piazza Affari che ha aperto in calo di oltre l'1%. L'indice Ftse Mib si è portato in avvio subito sotto la soglia dei 19mila punti, livello che non violava al ribasso dal 5 febbraio scorso, per poi risalire leggermente e portarsi a 19.043 (-0,46%). Pesa l'escalation di tensioni geopolitiche, con gli Stati Uniti che hanno rotto gli indugi sulla questione Iraq, e il permanere di tensioni sul fronte Russia-Ucraina. Tra i titoli di Piazza Affari non hanno fatto prezzo in avvio per eccesso di ribasso Mps (teorico -9,9%) e Tod's (-8,45%), entrambe protagoniste di riscontri trimestrali sotto le attese.

Previsto un avvio di giornata difficile anche per le principali Borse europee, già reduci da una serie di sei ribassi nelle ultime sette sedute. Per quanto concerne l'eurozona, ieri Mario Draghi, al termine del board della Bce, ha dichiarato che la ripresa resta debole e fragile in scia agli ultimi dati macro arrivati. L'indice Dax tedesco dovrebbe aprire sotto la soglia psicologica dei 9.000 punti, in calo di circa l'1%. Il saldo da inizio anno di Piazza Affari è tornato sulla parità dopo i cali delle ultime sedute.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata