Persecuzione contro i gay in Cecenia
In Cecenia è in atto una persecuzione contro i gay con arresti e torture e addirittura prigioni segrete trasformate in campi di rieducazione. Lo denuncia il settimanale russo Novaya Gazeta per il quale sarebbero 100 le persone deportate e 3 uccise. Ma, aggiunge il giornale le vittime potrebbero essere di più . Per le autorità di Grozny si tratta di  "un'assoluta menzogna" "Se in Cecenia ci fossero persone così, le forze dell'ordine non avrebbero nessun problema con loro perché sarebbero i parenti stessi a mandarli a quell'indirizzo dal quale non si ritorna" ha dichiarato Alvi Karimov, portavoce del leader ceceno filo-russo Ramzan Kadyrov,. E la Farnesina dopo le richieste di Pd, Radicali e associazioni Lgbt si è attivata chiedendo informazioni alle autorità cecene.