Pedofilia, nuove accuse Viganò: "Papa ha mentito sul caso Davis"
L'ex nunzio rivela nuovi dettagli dell'incontro tra il Pontefice e l'impiegata del Kentucky icona dei conservatori

L'arcivescovo Carlo Maria Viganò lancia un nuovo attacco contro Papa Francesco e la Santa Sede dopo le accuse delle scorse settimane, che avrebbe coperto degli abusi sessuali compiuti dall'arcivescovo Theodore McCarrick. In una lettera pubblicata dal sito Lifesitenews, Viganò rivela i dettagli relativi all'incontro del 2015 negli Usa tra Papa Francesco e Kim Davis, l'impiegata del Kentucky che divenne un'icona di certi ambienti conservatori per essersi rifiutata di rilasciare licenze matrimoniali a coppie dello stesso sesso. Per quella decisione, la Davis ha trascorso 5 giorni in carcere per non avere obbedito ad un ordine del tribunale che le intimava di rilasciare el licenze matrimoniali.

In una dichiarazione scritta datata 30 agosto 2018, Viganò afferma di essersi sentito in dovere di parlare dopo aver letto l'articolo del New York Yimes del 28 agosto, nel quale Juan Carlos Cruz, vittima di abusi sessuali di origine cilena, spiegava che il Papa "recentemente gli raccontò che l'arcivescovo Viganò (nunzio apostolico negli Usa tra il 2011 e il 2016) quasi sabotò la visita" negli Usa, facendogli incontrare forzatamente la Davis e provocando così una serie di polemiche che turbarono l'evento. "Non sapevo chi fosse quella donna e (l'arcivescovo Viganò) la fece intrufolare per salutarmi, e naturalmente ne nacque un polverone. Ne fui inorridito e licenziai quel nunzio", furono le parole del Papa, secondo quanto riferito al New York Times da Cruz. 

"Di fronte a tale affermazione del Papa, mi vedo obbligato a raccontare come i fatti si sono realmente svolti", scrive Viganò nell'introduzione della sua lettera a Lifesitenews. "Uno dei due mente: Cruz o il papa? Quello che è certo è che il papa sapeva benissimo chi fosse la Davis, e lui e i suoi stretti collaboratori avevano approvato l'udienza privata. I giornalisti possono sempre verificare, chiedendo ai prelati Becciu, Gallagher e Parolin, nonché al papa stesso. È comunque evidente che papa Francesco ha voluto nascondere l'udienza privata con la prima cittadina americana condannata e imprigionata per obiezione di coscienza", afferma Viganò al termine della lettera nella quale fornisce la sua versione degli eventi di allora. Nell'articolo pubblicato su Lifesitenews è allegato il testo del breve memorandum che riassumeva il caso Davis e che Viganò "consegnò al Papa all'inizio del loro incontro il 23 settembre del 2015".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata