Pedofilia, il procuratore della Pennsylvania: "Il Vaticano sapeva"
Dopo la pubblicazione del rapporto choc sulla pedofilia nella chiesa americana, il procuratore generale della Pennsylvania, Josh Shapiro, ha dichiarato di avere "le prove che il Vaticano sapeva e ha coperto gli abusi", aggiungendo di non poter parlare "specificatamente di papa Francesco". Shapiro ha spiegato che il grand giurì che si occupa del caso ha trovato, negli archivi segreti della Chiesa, alcune note scritte a mano che descrivono gli abusi e di aver scoperto violenze su oltre mille bambini in 6 diocesi su 8. Oltre 300 i sacerdoti coinvolti. Fonti della Santa Sede spiegano intanto che Bergoglio è "amareggiato" ma "non pensa alla dimissioni".