Papa a ortodossi: Piena comunione tra Chiese ma senza sottomissione

Istanbul (Turchia), 30 nov. (LaPresse) - Ristabilire la piena comunione tra Chiesa cattolica e Chiesa ortodossa "non significa né sottomissione l'uno dell'altro, né assorbimento, ma piuttosto accoglienza di tutti i doni che Dio ha dato a ciascuno per manifestare al mondo intero il grande mistero della salvezza realizzato da Cristo Signore per mezzo dello Spirito Santo". Lo ha detto Papa Francesco al Patriarcato ecumenico di Istanbul.

LA BENEDIZIONE CONGIUNTA. Al termine della Celebrazione della Divina Liturgia celebrata a Istanbul, Papa Francesco e il Patriarca Ecumenico Bartolomeo I si sono affacciati dal balcone del Palazzo Patriarcale e hanno benedetto contemporaneamente i fedeli raccolti nel cortile sottostante. Poi i due si sono recati nella Sala del Trono dove hanno letto e firmato una dichiarazione comune.

"PREOCCUPAZIONE PER IL MEDIORIENTE". "Esprimiamo la nostra comune preoccupazione - hanno detto - per la situazione in Iraq, in Siria e in tutto il Medio Oriente. Siamo uniti nel desiderio di pace e di stabilità e nella volontà di promuovere la risoluzione dei conflitti attraverso il dialogo e la riconciliazione. Riconoscendo gli sforzi già fatti per offrire assistenza alla regione, ci appelliamo al contempo a tutti coloro che hanno la responsabilità del destino dei popoli affinché intensifichino il loro impegno per le comunità che soffrono e consentano loro, comprese quelle cristiane, di rimanere nella loro terra natia".

"IMPORTANTE IL DIALOGO CON L'ISLAM". "Riconosciamo - ha detto ancora - l'importanza anche della promozione di un dialogo costruttivo con l'Islam, basato sul mutuo rispetto e sull'amicizia. Ispirati da comuni valori e rafforzati da un genuino sentimento fraterno, musulmani e cristiani sono chiamati a lavorare insieme per amore della giustizia, della pace e del rispetto della dignità e dei diritti di ogni persona, specialmente nelle regioni dove essi, un tempo, vissero per secoli in una coesistenza pacifica e adesso soffrono insieme tragicamente per gli orrori della guerra". "Inoltre, come leader cristiani - aggiungono - esortiamo tutti i leader religiosi a proseguire e a rafforzare il dialogo interreligioso e a compiere ogni sforzo per costruire una cultura di pace e di solidarietà fra le persone e fra i popoli".

"CHIESA CATTOLICA NON VUOLE IMPORRE NIENTE". "Voglio assicurare a ciascuno di voi - ha proseguito - che, per giungere alla meta sospirata della piena unità, la Chiesa cattolica non intende imporre alcuna esigenza, se non quella della professione della fede comune, e che siamo pronti a cercare insieme, alla luce dell'insegnamento della Scrittura e dell'esperienza del primo millennio, le modalità con le quali garantire la necessaria unità della Chiesa nelle attuali circostanze".

"LOTTA ALLE CAUSE STRUTTURALI DELLA POVERTA'". "Nel mondo - ha proseguito - ci sono troppe donne e troppi uomini che soffrono per grave malnutrizione, per la crescente disoccupazione, per l'alta percentuale di giovani senza lavoro e per l'aumento dell'esclusione sociale, che può indurre ad attività criminali e perfino al reclutamento di terroristi". "Non possiamo - ha aggiunto il pontefice - rimanere indifferenti di fronte alle voci di questi fratelli e sorelle. Essi ci chiedono non solo di dare loro un aiuto materiale, necessario in tante circostanze, ma soprattutto che li aiutiamo a difendere la loro dignità di persone umane, in modo che possano ritrovare le energie spirituali per risollevarsi e tornare ad essere protagonisti delle loro storie. Ci chiedono inoltre di lottare, alla luce del Vangelo, contro le cause strutturali della povertà: la disuguaglianza, la mancanza di un lavoro degno, della terra e della casa, la negazione dei diritti sociali e lavorativi".

"SCONFIGGERE LA GLOBALIZZAZIONE DELL'INDIFFERENZA". "Come cristiani siamo chiamati a sconfiggere insieme quella globalizzazione dell'indifferenza che oggi sembra avere la supremazia e a costruire una nuova civiltà dell'amore e della solidarietà".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata