Panama Papers, aperta inchiesta. Cremlino: Attacco alla Russia
Scoperta rete offshore dei potenti: tra i nomi coinvolti il presidente russo Putin e Messi. Tra gli italiani Montezemolo

La procura generale di Panama ha annunciato indagini per verificare eventuali reati rivelati dai Panama Papers, i documenti dello studio legale panamense Mossack Fonseca fatti trapelare ieri. Secondo diversi media riuniti nell'International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ), molti leader internazionali figurano tra i clienti dello studio legale. Gli 11,5 milioni di documenti relativi a quasi quarant'anni di attività dello studio legale Mosaack Fonseca, specializzato nella gestione di capitali e patrimoni, riportano informazioni su 214mila imprese offshore in oltre 200 Paesi e territori.

CREMLINO: FUGA NOTIZIE VUOL COLPIRE RUSSIA.  "Sebbene Putin non compaia, per noi è chiaro che l'obiettivo principale di questa fuga di notizie è il nostro presidente, soprattutto in vista delle elezioni parlamentari e presidenziali", e "la stabilità politica nel nostro Paese". Lo ha dichiarato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, facendo riferimento ai contenuti dei cosiddetti Panama Papers.

HONG KONG, SVIZZERA E GB PAESI PIU' ATTIVI. Hong Kong, Svizzera e Regno Unito appaiono come i Paesi più "attivi" nelle operazioni rivelate dai Panama Papers, diffusi dal Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi (ICIJ). Secondo tali informazioni, sono più di 1.200 le compagnie svizzereche figurano tra i 14mila banche, studi legali e altri intermediari che avrebbero aiutato a creare società di comodo, sospettate di aver l'obiettivo di occultare fondi e riciclare denaro. Solo Hong Kong e Regno Unito hanno numeri più alti, rispettivamente con 2.200 e 1.900 imprese. (Leggi la scheda completa)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata