Pakistan, ucciso a Islamabad un leader di rete Haqqani

Islamabad (Pakistan), 11 nov. (LaPresse/AP) - Nasiruddin Haqqani, alto leader della rete Haqqani e figlio del fondatore del gruppo Jalaluddin Haqqani, è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco in Pakistan. È quanto riportano fonti dell'intelligence pakistana e militanti locali. E' stato ucciso ieri sera alla periferia della capitale Islamabad, in una zona denominata Bhara Kahu, come riferiscono il comandante talebano Ahsanullah Ahsan e una fonte di intelligence rimasta anonima. Il corpo è stato portato a Miran Shah, nell'area tribale del Nord Waziristan, dove verrà sepolto. Il fratello di Nasiruddin, Sirajuddin Haqqani, è l'attuale capo della rete pakistana. Nasiruddin era considerato un importante finanziatore ed emissario della rete, fondata da suo padre Jalaluddin e alleata dei talebani afghani guidati dal mullah Omar. Nel 2010 il dipartimento del Tesoro Usa aveva emesso delle sanzioni contro di lui, che era stato in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti per raccogliere denaro a favore della rete Haqqani, di al-Qaeda e dei talebani.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata