Pakistan, esplosione in santuario sufi: almeno quattro morti
Pakistan, esplosione in santuario sufi: almeno quattro morti

Il luogo era già stato preso di mira in precedenza, ma per ora la causa dell'esplosione rimane sotto inchiesta

Un'esplosione nella seconda città più grande del Pakistan, Lahore, ha ucciso almeno quattro persone, tre agenti di polizia e un civile, e ne ha ferite 24, secondo quanto riferito dalla televisione pakistana. La polizia ha dichiarato di stare ancora indagando sulla natura dell'esplosione, verificatasi vicino al cancello d'ingresso per le donne ospiti al santuario Data Darbar, dell'XI secolo, uno dei più grandi santuari sufi dell'Asia meridionale.

Il luogo era già stato preso di mira in precedenza - un attacco suicida del 2010 ha ucciso più di 40 persone - ed è sorvegliato da un grande cordone di sicurezza. I fedeli sufi sono stati spesso bersaglio di attacchi sanguinosi in Pakistan da parte di militanti islamici - incluso il gruppo dello Stato islamico - che considerano le credenze e i riti sufi sulle tombe dei santi musulmani come eresia. L'alto funzionario di polizia Muhammad Ashfaq ha detto in una conferenza stampa che il personale di sicurezza del santuario era stato preso di mira, ma ha sottolineato che la causa dell'esplosione rimane sotto inchiesta.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata