Pakistan, addio san Valentino: arriva il Giorno delle sorelle (con veli in omaggio)

La scelta dell'università di Agricoltura di Faisalabad per promuovere "le tradizioni islamiche tra i giovani" contro una "importazione" della cultura occidentale

L'università di Agricoltura di Faisalabad, in Pakistan, cancella la festa di san Valentino e la sostituisce con il Giorno delle sorelle, in cui alle studentesse saranno regalati veli e scialli. La decisione è stata presa per promuovere "la cultura orientale e le tradizioni islamiche tra i giovani", ha dichiarato l'università della provincia del Punjab.

La festa di san Valentino è infatti considerata una "importazione" della cultura occidentale e, sostiene l'università, la distribuzione dei veli servirebbe a promuovere il rispetto delle donne. "Nella nostra cultura, le donne sono rafforzate e guadagnano il rispetto loro dovuto come sorelle, madri, figlie e mogli", ha detto il vice rettore Zafar Iqbal. Aggiungendo: "Stiamo dimenticando la nostra cultura e la cultura occidentale sta radicandosi nella nostra società".

Il giorno di san Valentino è sempre più popolare tra i giovani pakistani, molti dei quali scambiano con i propri partner biglietti, cioccolatini e regali. Ma nella società musulmana profondamente conservatrice, dove le donne lottano per conquistare e mantenere i propri diritti, molti disapprovano la festa bollandola come importazione occidentale. Nel 2016 il presidente Mamnoon Hussain disse a una folla di studenti che non c'era posto nella nazione per quella ricorrenza, chiedendo ai giovani di dimenticarla. L'attrice e modella Qandeel Baloch rispose indossando un abito scarlatto e diffondendo un video in cui si opponeva a quelle frasi. Fu assassinata un anno dopo dal fratello, che confessò dicendo di averla uccisa perché avrebbe "portato disonore" alla famiglia.

Nel 2017 l'Alta corte di Islamabad vietò i festeggiamenti per san Valentino negli spazi pubblici e negli uffici governativi della città, mentre lo scorso anno l'ente regolatore dei media avvertì tv e stazioni radio di non promuovere la ricorrenza. Sui social media molti hanno criticato l'iniziativa dell'università del Punjab. Alcuni hanno scherzato sul fatto che, anziché "proteggere" la cultura locale, il Giorno delle sorelle sembra far riferimento alla festività indù Raksha Bandhan, in cui i fratelli promettono di proteggere le proprie sorelle. La festività viene celebrata in India, acerrimo rivale del Pakistan.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata