Orlando, il killer era gay e frequentava il locale della strage
Le rivelazioni della ex moglie e di un compagno di classe

La ex moglie di Omar Mateen, Sitora Yusufiy, ritiene che il killer di Orlando fosse omosessuale. Lo ha riferito lei stessa in un'intervista alla tv brasiliana Sbt. Inoltre secondo l'attuale fidanzato di lei, Marco Dias, "l'Fbi aveva chiesto alla donna di non dire questo ai media americani". Secondo Sitora Yusufiy, il padre di Mateen lo avrebbe chiamato gay davanti a lei. Le dichiarazioni giungono mentre è emerso che Mateen frequentava il locale gay Pulse di Orlando, in Florida, nel quale nella notte fra sabato e domenica ha compiuto il massacro.

Yusufiy è stata sposata con Mateen nel 2009. Intanto anche un ex compagno di classe del killer ha detto che secondo lui Mateen era omosessuale: secondo quanto riporta il Palm Beach Post, l'ex compagno ha riferito che Mateen gli aveva chiesto di uscire e che andavano in giro insieme per bar gay nel 2006 dopo le lezioni all'accademia di polizia dell'Indian River Community College; una volta, secondo l'ex compagno, Mateen gli chiese di uscire insieme "romanticamente" ma lui rifiutò l'invito.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata