Onu: Niente scuola per 30 milioni di bambini in centro e ovest Africa

Dakar (Senegal), 17 giu. (LaPresse/AP) - Circa 30 milioni di bambini dell'Africa sub-sahariana in età scolastica non vanno a scuola, in parte a causa di guerre e povertà, e le iniziative per farli studiare sono bloccate. È quanto affermano due rapporti dell'Unicef e della divisione statistica dell'Unesco, secondo cui la situazione è particolarmente grave in Africa occidentale e centrale, dove c'è la maggior concentrazione del mondo di bambini esclusi da scuola. L'universalità dell'istruzione primaria rientra negli otto obiettivi di sviluppo del millennio delle Nazioni unite, enunciati nel 2000. Fino al 2007 sono stati fatti grandi progressi, affermano i rapporti, ma da allora la situazione si è bloccata. A questo calo hanno contribuito le riduzioni negli aiuti finanziari dovute alla crisi economica e l'incremento dei conflitti, ha detto Yumiko Yokozeki, consulente regionale all'educazione dell'Unicef nell'Africa occidentale e centrale. Molte scuole nelle aree di guerra sono state chiuse o per i bambini è troppo pericoloso raggiungerle, ha aggiunto Yokozeki.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata