Omicidio Kim Jong-nam, tentato furto della salma in Malesia
Intanto l'ambasciata della Corea del Nord chiede di rilasciare i tre sospettati "arrestati senza motivo"

Le autorità malesi che indagano sulla morte di Kim Jong-nam, il fratellastro del leader nordcoreano, riferiscono che qualcuno ha provato a entrare nell'obitorio di Kuala Lumpur dove riposa la salma dell'uomo. A riportare la notizia il sito del Guardian.

Intanto l'ambasciata della Corea del Nord in Malesia ha chiesto che tre sospetti arrestati in relazione all'omicidio vengano immediatamente rilasciati. In una nota, l'ambasciata scrive che una donna vietnamita, una donna indonesiana e un uomo nordcoreano sono stati "arrestati senza motivo". Kim Jong-nam, fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong-un, è morto dopo essere stato avvelenato, a quanto si sospetta, all'aeroporto di Kuala Lumpur.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata