Oklahoma, si scava ancora dopo il tornado. Governo: Non vi lasceremo

Washington (Usa), 22 mag. (LaPresse/AP) - Si continua a scavare fra le macerie a Moore, in Oklahoma, un giorno dopo il passaggio del potente tornado che ha distrutto interi quartieri della cittadina a sud di Oklahoma City. Mentre alcuni residenti tornano nelle case per cercare oggetti e approntare le prime stime dei danni, i soccorritori proseguono i controlli anche se secondo le autorità tutte le vittime e i sopravvissuti sono stati ritrovati.

Il capo dei vigili del fuoco di Moore, Gary Bird, si è detto fiducioso che nessun altro si trovi sotto le macerie dal momento che tutti gli edifici sono stati controllati almeno una volta. Ha aggiunto però che intende assicurarsi che ogni casa sia ispezionata tre volte, in modo da avere la certezza assoluta. Il tornado, che ha seguito un percorso molto simile a quello che si era abbattuto sull'Oklahoma nel 1999, ha lasciato dietro di sé 24 morti, nove dei quali bambini. Sette dei bimbi sono rimasti sepolti sotto le macerie della scuola elementare nella quale si trovavano, la Plaza Towers.

Intanto il capo dell'Agenzia federale per la gestione delle emergenze (Fema), Craig Fugate, ha assicurato che il governo "non lascerà l'Oklahoma quando le telecamere se ne andranno". In un'intervista alla Cnn, Fugate ha detto che "staremo qui e porteremo a termine il lavoro andando di quartiere in quartiere". La Fema lavorerà anche per assistere i cittadini nella ricerca di alloggi temporanei e garantire il ripristino dei servizi, ha promesso. Fugate è arrivato in Oklahoma ieri e oggi è attesa la visita del segretario per la Sicurezza interna, Janet Napolitano.

Le autorità non hanno ancora stime certe su quante case siano state distrutte dal tornado o quante famiglie siano state costrette a trovare rifugio altrove. Le squadre di emergenza hanno avuto inoltre problemi a orientarsi fra le macerie perché la maggior parte delle insegne stradali è andata distrutta. Spesso il personale ha usato gli smartphone o gli apparecchi con Gps in modo da avere indicazioni su come muoversi nelle aree dove i punti di riferimento sono stati spazzati via.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata