Obama: Economia Usa pronta a progredire, spazzato via grave crisi

Austin (Texas, Usa), 9 mag. (LaPresse/AP) - L'economia statunitense è "pronta a progredire". Lo ha dichiarato il presidente Barack Obama, parlando in una scuola superiore ad Austin, in Texas. Quelli che danno ascolto a chi a Washington vede tutto nero o quelli che guardano le notizie in tv possono pensare che niente stia andando bene, ha detto, ma gli americani hanno spazzato via i detriti della peggior crisi economica della loro vita. I mercati immobiliari stanno migliorando, i profitti delle aziende si stanno impennando e le industrie di auto ed energia sono fiorenti, ha proseguito Obama. Ora, ha dichiarato, il Paese deve pianificare le spese in modo più intelligente. Per questo invita i cittadini statunitensi a chiedere al Congresso di passare le sue proposte sul lavoro, l'educazione e l'aumento del salario minimo.

"La verità è che ci sono molte ragioni per essere ottimisti su come sta andando il Paese", ha proseguito. "Grazie a coraggio e determinazione del popolo americano, abbiamo eliminato i resti della peggior crisi economica della nostra vita", ha continuato. Dopo aver visitato la scuola superiore Manor New Technology, Obama aveva in programma una visita all'impianto Applied Materials, che fornisce equipaggiamenti, servizi e software a industrie dell'energia. Secondo un sondaggio Associate Press-GfK, condotto lo scorso mese, la percentuale di americani che crede il Paese stia andando nella direzione sbagliata sta salento, così come quella di quanti non approvano la gestione dell'economia di Obama. "Dobbiamo assicurarci che i salari e gli introiti della classe media stiano anch'essi salendo, perché la gran parte delle famiglie non vede aumentare ormai da anni la quota che porta a casa", ha detto Obama.

E sulle questioni fiscali: "I nostri deficit stanno scendendo al tasso più veloce da anni, ma ora dobbiamo pensare i bilanci in un modo più intelligente che non colpisca le famiglie della classe media o ci eviti di fare investimenti critici di cui abbiamo bisogno per il nostro futuro". Ancora prima che Obama partisse erano arrivate le critiche dai repubblicani. Lo speaker della Camera, John Boehner, ha detto: "Il presidente non sembra capire che sono le sue politiche che stanno colpendo crescita economia e creazione di posti di lavoro". Il leader della minoranza al Senato, Mitch McConnell, ha sminuito il viaggio come una mera operazione di immagine: "Se sei una persona che si occupa solo di immagine, allora di certo mettere un paio di occhiali o farsi vedere in una fabbrica è un ottimo modo almeno per far sembrare che tu stia facendo qualcosa per creare lavoro".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata