Obama: Attacchi in Libia per evitare che l'Isis si rafforzi
"Se Russia coinvolta in mail hackerate ne parlerò con Putin"

 "A richiesta di questo Governo libico (guidato da Fayez el Serraj, uno dei tre nel Paese), e dopo che questi avevano già fatto passi avanti significativi contro l'Isis", gli Stati uniti hanno deciso per gli attacchi perché "è nell'interesse della sicurezza nazionale degli Usa assicurare che (questo esecutivo libico) possa terminare questo lavoro, e possa evitare che lo Stato islamico diventi forte in Libia". Lo ha detto il presidente degli Stati uniti, Barack Obama.

Il presidente Usa ha parlato anche delle mail hackerate: "Se la Russia è coinvolta" nell'attacco hacker ai server del partito democratico degli Stati Uniti, questo sarà "solo uno dei punti di cui parlerò con" il presidente russo Vladimir Putin.  Nel caso Mosca sia coinvolta, Obama ha detto si tratterà di un "vero problema" che tuttavia non danneggerà in modo drammatico le relazioni con Putin e che consentirà comunque di continuare a perseguire obiettivi come gli accordi di Minsk o la transizione politica in Siria.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata