Obama a Corte suprema: Abroghi legge su matrimonio, discrimina gay

Washington (Usa), 23 feb. (LaPresse/AP) - L'amministrazione Obama ha chiesto formalmente alla Corte suprema di dichiarare incostituzionale una parte della legge federale sul matrimonio, che riconosce soltanto i matrimoni tra uomo e donna. La Casa bianca afferma che la Defense of Marriage Act del 1996 neghi alle coppie dello stesso sesso legalmente sposate alcuni diritti che sono invece previsti per le coppie eterosessuali. Tra essi, agevolazioni fiscali e diritti ereditari. Secondo quanto scrive l'amministrazione, la misura "viola la garanzia costituzionale fondamentale di uguaglianza". La Corte suprema si prepara ad affrontare la prossima settimana la questione dei matrimoni gay. Lo scorso anno il presidente Barack Obama ha detto apertamente di sostenere i matrimoni tra persone dello stesso sesso e nel discorso inaugurale del secondo mandato la scorsa settimana ha affermato che la legge deve trattare le persone omosessuali come tutte le altre.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata