Nuotatore rapinato a Rio, Lochte: Mi hanno puntato pistola a testa
ll taxi su cui era a bordo insieme ad altri tre atleti è stato fermato da persone che fingevano di essere poliziotti armati

Il nuotatore statunitense Ryan Lochte è stato rapinato, sotto minaccia di armi, in un taxi a Rio de Janeiro, di ritorno da una festa. Lo ha raccontato lo stesso atleta al brasiliano Thiago Pereira, anch'egli nuotatore alle Olimpiadi, secondo quanto ha fatto sapere un portavoce di quest'ultimo. Il portavoce ha raccontato che Pereira oggi ha chiamato Lochte, dopo aver sentito le notizie della rapina. "Thiago e la moglie ieri notte sono andati a una festa di compleanno per un amico comune con Lochte alla Casa Francia", ha detto il portavoce. "Si sono divisi da Lochte quando lui è tornato al suo hotel con la moglie. Stamattina ha ricevuto le notizie dell'incidente di Lochte, quindi lo ha chiamato e l'americano gli ha detto che stava bene e che il taxi in cui era salito è stato teatro della rapina", ha aggiunto. Il Comitato olimpico internazionale ha confermato, lo stesso ha fatto il comitato statunintense dopo un'iniziale smentita. Il 32enne Lochte era di ritorno da una festa con altri tre atleti, Gunnar Bentz, Jack Conger e Jimmy Feigen.

LA DINAMICA. Secondo quanto raccontato da quattro membri della Squadra di nuoto olimpica Usa (Gunnar Bentz, Jack Conger, Jimmy Feigen e Ryan Lochte), essi hanno lasciato Casa Francia domenica mattina presto in un taxi, diretti al Villaggio olimpico", ha detto il portavoce Patrick Sandusky. "Il loro taxi è stato fermato da persone che fingevano di essere poliziotti armati, chiedevano il denaro degli atleti e altri loro effetti personali. Tutti i quattro sono illesi e collaborano con le autorità", ha proseguito. La madre di Lochte, Ileana Lochte, ha raccontato a Usa Today: "Credo siano scossi", "in pratica hanno preso i loro portafogli, e questo è tutto".
 

TESTIMONIANZA DI LOCHTE. Nella rapina un assalitore gli ha puntato una pistola alla testa, prima di prendergli il portafogli. Lo ha raccontato Ryan Lochte a Nbc: "Ci hanno fermati, nel taxi, e questi tizi sono arrivati con un badge della polizia, non c'era luce, non c'era altro che il badge", ha raccontato. "Hanno estratto le armi - ha proseguito - e detto agli altri nuotatori di coricarsi a terra, e loro lo hanno fatto. Io ho rifiutato, dicendo che non avevamo fatto nulla di male, quindi non mi sono coricato". Ma un aggressore l'ha affrontato: Mi ha puntato la pistola "alla fronte e ha detto 'Abbassati', ho alzato le mani e, va bene. Ha preso i nostri soldi, il mio portafogli, ha lasciato il mio cellulare, le mie credenziali".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata